Home / Biblioteca

 
La biblioteca dell’Istituto è specializzata in storia contemporanea: in particolare possiede ricche sezioni di storia dell’antifascismo, della resistenza e di storia locale. Notevole è la collezione degli opuscoli. Il patrimonio complessivo è di circa 30.000 titoli (di cui oltre 26.000 schedati a disposizione del pubblico).

La biblioteca conserva importanti fondi versati da esponenti dell’antifascismo e della resistenza anche non locale, quali: Piero Fornara, Eraldo Gastone, i fratelli Bazzani, Ettore Piazza, Giorgio Carretto, Giulio Porrati, Ferruccio Maruffi.

Di particolare rilievo il riordino e catalogazione della biblioteca personale di Mario Bonfantini e la recente acquisizione di quella del figlio Massimo, non ancora catalogata. L’Istituto custodisce anche gli arredi originari della biblioteca di Mario Bonfantini, che riprodotti nella composizione originaria, formano la Sala Bonfantini. La biblioteca e l’archivio personale dell’illustre novarese sono stati candidati nel 2020 ai “Luoghi del cuore” del FAI.

L’emeroteca conserva ben oltre 1500 periodici, parte dei quali a disposizione in microfilm e in formato digitale. Interessanti le testate del periodo clandestino della Resistenza, i giornali locali, le riviste specializzate in storia contemporanea. I periodici in corso, a disposizione del pubblico sono 173 di cui 41 locali e 132 nazionali ed internazionali. Oltre 100 testate, provenienti da donazioni private, sono in attesa di essere inserite in catalogo. Una curiosità… L’8 febbraio 1965 l’Istituto acquistava il suo primo volume: l’einaudiana Storia della resistenza italiana di Roberto Battaglia, dando il via alla raccolta del materiale che avrebbe incrementato negli anni il patrimonio della sua biblioteca. Qui di fianco la riproduzione della prima pagina del registro cronologico d’ingresso che testimonia l’acquisto, presso la libreria Lazzarelli di Novara, del volume del Battaglia.

Informazioni e orari

La biblioteca è accessibile per il servizio di prestito negli orari di apertura della sede. L’Istituto si avvale, per la gestione del patrimonio librario, di volontari: si consiglia pertanto di far precedere la visita da una telefonata per accertarsi dell’effettiva disponibilità del materiale di interesse.
Per contattare direttamente la biblioteca e per informazioni per il servizio di prestito interbibliotecario scrivere a biblioteca@isrn.it mettendo in copia segreteria@isrn.it.

IMPORTANTE: Per richieste relative all’emeroteca (consultazione e fotocopie di riviste e periodici) il personale non può esaudire le richieste sul momento. È necessario pertanto contattare l’Istituto specificando le proprie esigenze. Si provvederà ad accordare un appuntamento in modo che l’utente possa avere a disposizione il materiale richiesto.

Catalogo

Il catalogo è consultabile attraverso il Sistema bibliotecario Nazionale (SBN) e su www.librilinea.it, il polo on line delle biblioteche piemontesi.

I volumi con segnatura AL appartengono al fondo di pregio dell’Istituto. Spesso si tratta di opere risalenti all’inizio del ‘900 e del periodo fascista e in gran parte non in ottimo stato di conservazione. Benché dal catalogo risultino “Disponibili”, in caso di richiesta di prestito verrà fatto un controllo sul loro stato e potranno essere eventualmente ammessi alla sola consultazione in sede.

Leggi il regolamento della biblioteca e scarica la domanda d’iscrizione prima di richiedere i servizi.