presentazione
il sentiero Beltrami
il sentiero Chiovini
- Presentazione - Il Sentiero Chiovini
- Il Verbano nella primavera 1944
- Maggio - giugno 1944
- Il rastrellamento: cronaca di dieci giorni
- Il sale della terra
- 1944-45
- Il Sentiero Chiovini
- Apparati
- Bibliografia
- Biografie
- Calzavara Armando
- Cella Gianni
- Chiovini Nino
- Flaim Mario
- Garzoli Gaetano
- Hellis Frank
- Muneghina Mario
- Peron Maria
- Perozzi Giuseppe
- Plazzotta Enzo
- Rizzato Ezio
- Rutto Bruno
- Superti Dionigi
- Cronologia
- Schede di approfondimento
la repubblica partigiana dell'Ossola
apparati
crediti redazionali
Istituto storico della resistenza e della societÓ contemporanea Pietro Fornara
la memoria delle alpi
Nino Chiovini

Nino Chiovini nasce a Verbania nel 1923. Fin dal 1942 prende contatti con giovani antifascisti dell'alto milanese legati al Partito d'Azione. Dopo l'8 settembre 1943 contribuisce alla costituzione del primo nucleo partigiano di quella che diventerÓ la "Giovane Italia". Nell'aprile 1944 il partigiano "Peppo" passa alla "Cesare Battisti" dove comanda la "Volante Cucciolo" fino al suo annientamento a Trarego il 25 febbraio 1945; diventa poi comandante della "Volante Martiri di Trarego" fino alla Liberazione.
Nel dopoguerra Ŕ perito chimico presso la Montefibre di Verbania tra il 1946 e il 1978; Ŕ Assessore al Comune di Verbania tra il 1951 e il 1959 e milita nel PCI dal 1946 al 1971. Le sue prime ricerche storiche riguardano la Resistenza locale di cui Chiovini ricostruisce le vicende in numerosi saggi e articoli e soprattutto nel libro "I giorni della semina" dedicato al rastrellamento del giugno 1944.
Negli anni '80 inizia la sua ricerca storico etnografica dedicata alla civiltÓ rurale montana sui monti dell'entroterra verbanese. Nel 1987 pubblica "Cronache di terra lepontýna", il primo volume di una trilogia dedicata alla civiltÓ rurale montana della Val Grande e della Valle Intrasca; nel 1988 esce "A piedi nudi". Negli ultimi anni della sua vita lavora a "Le ceneri della fatica" che esce postumo del 1992 come l'altro libro "Mal di Valgrande" (1991), raccolta di saggi pubblicati su riviste locali e riguardanti la valle che, proprio nel 1991, diventerÓ Parco Nazionale di cui Chiovini Ŕ stato grande sostenitore. Nino Chiovini muore a Verbania nel maggio 1991.

powered by: Roberto Fonio - www.robertofonio.com