Home / Didattica

 

Un settore privilegiato nella attività dell’Istituto è quello della “didattica”, al quale vengono finalizzate gran parte delle iniziative promosse. Attualmente l’ISRN, in quanto associato all’Istituto Nazionale Ferruccio Parri (ex  Insmli), svolge attività didattiche riconosciute dal MIUR sulla base di apposite convenzioni. Inoltre la rete degli Istituti della Resistenza piemontesi ha stipulato uno specifico protocollo d’intesa con L’Ufficio scolastico regionale del Piemonte a riconoscimento della propria attività didattica, annulmente rinnovato.

In tale quadro l’Istituto propone e realizza corsi, seminari, incontri rivolti a docenti e allievi intorno alla storia del Novecento, la storia delle donne, l’educazione alla legalità, cittadinanza e territorio, le metodologie didattiche e l’ambiente digitale. Particolari iniziative ( seminari, convegni, dibattiti, proiezioni, letture drammatizzate, presentazione di testi e materiali, visite guidate, laboratori, attività e interventi nelle singole classi e scuole) vengono predisposte per le ricorrenze civili (Giorno della Memoria, Giorno del Ricordo, festa della Liberazione soprattutto).  L’obiettivo è quello di sperimentare l’innovazione didattica sia nella metodologia che nei contenuti.

In questa sezione trovate i principali ambiti di didattica in cui siamo impegnati e che sono oggetto di costante aggiornamento negli articoli pubblicati nel sito.

La programmazione e l’offerta formativa dell’Istituto tengono conto delle peculiarità dell’ambito di pertinenza territoriale dell’Istituto pur uniformandosi all’offerta della rete degli Istituti Piemontesi e a quella dell’INSMLI, collaborando, in tutti i casi in cui è possibile, con questi soggetti per la realizzazione delle attività proposte.

Nella sezione didattica insegnanti e studenti possono trovare strumenti didattici, consulenza per ricerche, progettazione di itinerari didattici e attività di laboratorio in relazione all’insegnamento e all’apprendimento della storia del Novecento, della Cittadinanza e Costituzione, del Calendario Civile. La sezione didattica informa costantemente le scuole delle opportunità concorsuali, coordina lo svolgimento dei percorsi di Alternanza scuola lavoro e favorisce i contatti tra il  mondo della scuola e le realtà che nel nostro territorio si occupano di uso pubblico della storia. Sono al momento in atto, in questo settore, diverse convenzioni con enti e associazioni.

Attualmente presso la sezione didattica opera una docente assegnata all’Istituto Storico dall’USR per l’anno scolastico 2018/19. E’ possibile conoscere nel dettaglio le attività di formazione e didattica proposte periodicamente e organizzarne di specifiche scrivendo a didattica@isrn.it

Nata a Milano nel 1971, Elena Mastretta  è laureata in lettere moderne con indirizzo storico artistico all’Università degli Studi di Milano con una tesi in storia della scultura moderna e ha studiato Letteratura Francese all’Université Paris XIII conseguendo la Licence en Lettres Modernes con specializzazione sul tema delle difficoltà di apprendimento della lingua francese da parte di allievi non francofoni. Ha frequentato la prima edizione del corso post laurea per curatori dell’Accademia di Belle Arti di Brera, instaurando rapporti lavorativi con l’ente tra il 1996 e il 2001 come docente di “didattica per il museo” e come tutor nei corsi di formazione post laurea. Nel 1998 ha conseguito il perfezionamento in didattica Generale e Museale all’Università di Roma III ed ha curato l’attività didattica di alcune ludoteche e cooperative milanesi come free lance e come socio fondatore della ditta di servizi ludico-didattici Artelier.

Dal settembre 2011 è docente comandata responsabile della sezione didattica e delle attività di formazione presso l’Istituto storico della resistenza e della società contemporanea nel novarese e nel Verbano Cusio Ossola Piero Fornara. Si interessa, oltre ai temi legati alla storia del XX secolo e al calendario civile, alla diffusione dei concetti di cittadinanza e costituzione e all’uso delle nuove tecnologie nell’insegnamento, anche gestendo le comunicazioni dell’ente tramite i social network. Affianca la direzione scientifica e il comitato scientifico dell’ente per la diffusione delle linee di ricerca individuate dall’Istituto presso scuole ed enti locali, occupandosi  in particolar modo iniziative di formazione sulla didattica della shoah e di cittadinanza attiva, della promozione e del coordinamento didattico del concorso regionale di storia contemporanea, di cui ha curato la risistemazione dell’archivio, della realizzazione di percorsi di valorizzazione e conoscenza delle vicende resistenziali e di percorsi nei luoghi della memoria dell’ambito territoriale di competenza dell’Istituto (Novara e VCO). Responabile dei percorsi di ASL del’Istituto.

Dal 2014 fa parte del gruppo di lavoro della Summer School dell’Istituto Nazionale Ferruccio Parri, dal 2015 della commissione regionale legata al concorso regionale di storia contemporanea, dal 2016 della redazione di Novcento.org.

Attualmente i filoni di ricerca indagati riguardano le leggi razziali e il tema dei bambini nascosti, l’uso delle nuove tecnologie nella didattica, in particolare l’uso di strumenti legati al progetto Wikipedia per la diffusione della conoscenza della storia locale, le potenzialità della lettura nell’accrescimnto delle conosceze e competenze storiche.

Tra il 1995 e il 2000 ha collaborato con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, occupandosi di didattica come guida, animatrice di laboratorio e come collaboratrice della sezione didattica e realizzando il primo laboratorio interattivo “La Carta”. Nel 1999 ha ottenuto il premio per la migliore proposta di valorizzazione delle collezioni museali nell’ambito del “Forum dei Giovani Laureati di Novara” e successivamente si è occupata del coordinamento della messa in rete delle informazioni culturali per i Musei Civici Novaresi e della realizzazione delle pagine web della Villa Durazzo Faraggiana ad Albissola Marina (SV) e dell’aggiornamento delle operatrici del Nucleo di Didattica ambientale, sezione storico artistica, del Comune di Novara.

Nel 1999/2000 è stata responsabile delle PR, della segreteria organizzativa e dei contatti con l’estero della Fondazione Cravanzola di Milano ed ha realizzato la catalogazione di un archivio e di una biblioteca d’arte contemporanea private milanesi.

Guida turistica abilitata della Provincia di Novara, dal 2001 al 2005 si è occupata dei rapporti con il pubblico presso gli stand della provincia in diverse manifestazioni fieristiche e ha guidato gruppi sul territorio, sviluppando in particolare percorsi didattici e sui luoghi della memoria.

Nel 2006 si è laureata in Scienze della Formazione Primaria dell’Università Milano Bicocca con una tesi in didattica della fisica sul progetto EST curato dal MNST.

Nel 2000 ha ottenuto l’abilitazione all’insegnamento per la classe 61/A e per l’AD 4 ed è divenuta insegnante di ruolo di materie letterarie presso l’ITI Da Vinci di Borgomanero (NO), occupandosi della realizzazione di progetti volti all’ampliamento del POF e alla valorizzazione delle eccellenze degli studenti, alcuni dei quali risultati vincitori a livello nazionale (Quotidiano in Classe, La Stampa in classe, Apprendisti Ciceroni, Master dei Talenti, Bando Fondazione CRT-progetto Banca dati degli studenti; Bando Miur  Cittadinanza e costituzione-progetto Il lavoro nobilita l’uomo, bando Fondazione per la scuola Compagnia di San Paolo-progetto enérgeia, Concorso nazionale scienza e creatività in classe 2009 JRC-progetto ri-energy; Concorso regionale di Storia contemporanea; bandi APQ Politiche giovanili Provincia di Novara-progetti CAT, JOY, WAP tra gli altri).

Svolge inoltre attività di aggiornamento professionale come previsto dalla normativa vigente, tra cui Parigi, 23/28 giugno 2013 terza edizione dell’Università italiana al Mémorial de la Shoah, seminario permanente Pensare e insegnare la Shoah Berlino,  3/8 dicembre 2013, prima edizione del Rethinking and Teaching Nazism Advanced Teacher Seminar for Italian speaking teachers and educators. Nel 2015 è stata ammessa alla Scuola Internazionale per gli studi sulla Shoah di Yad Vashem nell’edizione per docenti italiani, conseguendo il titolo di Graduate.

( i corsi di aggiornamento fequentati e i titoli ottenuti in questo ambito sono conservati nel fascicolo personale della docente).

 

Share This